• 1
  • 2
  • 3

 

 

 

Secondi piatti

 

Coniglio castigato alla langarola

 

Dosi per
6 persone
Difficoltà
media
Preparazione
2 ore

 

 

Ingredienti

 

  1 coniglio nostrano dagli occhi scuri  1 fetta spessa di lardo  3 spicchi d'aglio  rosmarino q.b.  500 gr di prosciutto cotto a fette senza conservanti  3 bicchieri di Arneis del Roero  1 cipolla bianca  4 peperoni gialli  1 mestolo di brodo di carne  1 acciuga sfilettata  1 cucchiaio di aceto di vino rosso  olio extravergine d'oliva q.b.  sale q.b.  

  

 

Preparazione

 

Iniziare a disossare il coniglio se si è in grado o farselo disossare dal macellaio. Stendere il coniglio, salarlo e profumarlo con un trito di lardo, un paio di spicchi d'aglio e del rosmarino. Farcirlo con delle buone fette di prosciutto cotto senza conservanti, arrotolarlo su se stesso e legarlo con spago per alimenti, ottenendo una rolata. Rosolarlo in padella e portarlo poi a cottura in forno a mezzo vapore per 1 ora 30 min, bagnandolo ogni tanto con un paio di bicchieri di Arneis del Roero. A parte formare la salsa rosolando la cipolla affettata con i peperoni gialli, previamente lavati e tagliati a tocchetti, privi di semi e picciolo, e lo spicchio d’aglio rimasto al quale andrà tolta l’anima. Sfumare con il vino rimasto e portare a cottura con l’aggiunta di un buon brodo di carne. Frullare la salsa aggiungendo l'acciuga sfilettata ed un cucchiaio di aceto di vino rosso per profumare. Ridurre a fuoco lento la salsa e, quando sarà pronto, togliere lo spago al coniglio e tagliarlo a fette medie. Nappare con la salsa e servire caldo, volendo con una polentina e patate rosolate al rosmarino.

 

Ricetta del ristorante "La Crota" di Roddi (CN).

 

Vota questo articolo
(0 Voti)

PREMI OK !!! I Cookies aiutano BTCommunication a fornire i propri servizi. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni clicca qui