• 1
  • 2

 

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

 

Fiera de l'Oca e Zogo de l'Oca

dal 9 al 10 novembre 2019

 

Il Zogo de l'Oca e la Fiera de l'Oca nascono da una vecchia tradizione miranese che voleva si festeggiasse, mangiando l'oca, la chiusura dell'anno agrario, l'11 novembre, e per rinforzare questa tradizione c'era anche un detto: CHI NO MAGNA OCA A SAN MARTIN NON FA EL BECO DE UN QUATRIN!

Alla fine degli anni settanta, questa tradizione è stata ripresa dal COMITATO de L'OCA che l'ha fatta diventare un appuntamento annuale per tutto il paese. Per l'occasione fu creato anche il Zogo de l'oca de Miran, un gioco dell'oca da tavola che nelle 63 caselle riportava luoghi, monumenti, ville, personaggi, aspetti e momenti della storia e della tradizione Miranese.

Nel 1998 la Pro Loco Mirano pensò di riportare le caselle del gioco su 63 grandi tavole (2 m x 2) rialzate 80 cm da terra e di disporle attorno all'ovale della piazza così da formare un passerella colorata di 130 m. Si chiamarono a giocare sei squadre in rappresentanza di Mirano e delle sue cinque frazioni; ognuna composta da un capitano che lancia i dadi, un alfiere che sposta la pedina e da otto giocatori che intervengono per superare le “prove” quando le caselle lo richiedono. Nacque così il ZOGO DE L'OCA in PIAZZA.

L'ambientazione scelta fu quella del giorno di festa per eccellenza del paese: la Fiera. Il periodo storico non poteva che essere il Primo Novecento, quando la fiera rappresentava il momento più importante dell'anno, perché ci si poteva divertire ed acquistare molte cose semplici ma necessarie alla vita di tutti i giorni e per fare questo l'oca era un'ottima merce di scambio. Così è nata la "FIERA DE L'OCA", la ricostruzione storica di una Fiera del ‘900, dove sotto le tipiche bancarelle in legno signore, in costumi d'epoca, vendono prodotti gastronomici a base d'oca od oggetti raffiguranti la sua immagine, mentre attori, comparse e figuranti animano le vie del centro storico.

Da allora ogni anno, il secondo fine settimana di novembre, nell’atmosfera gioiosa della festa paesana si svolge la "FIERA DE L'OCA" che culmina alle ore 15 della domenica quando, in un tripudio di colori e allegria, di saltimbanchi e giocolieri, sotto lo sguardo di migliaia di persone, si dà vita al ZOGO DE L'OCA in PIAZZA

Per due giorni la città di Mirano fa un tuffo nel suo passato, tornando agli inizi del Novecento, con il centro storico trasformato in una piazza della Belle Époque durante la fiera paesana. Scompaiono i simboli della contemporaneità, sostituiti da stendardi con lo stemma sabaudo, banchi in legno del mercato, bacheche con gli avvisi comunali, manifesti con le prime réclame. In tutto ciò, la protagonista assoluta è l’oca.

Il successo di questa manifestazione è riscontrabile dall’interesse che ogni anno molti quotidiani, riviste, radio e televisioni nazionali le dedicano promuovendo la presenza di numerosi turisti, provenienti da tutta Italia e dall’estero.

Nel 2018 erano presenti gruppi organizzati provenienti dalla Germania, dall’Austria oltre ad altri 30.000 turisti non organizzati provenienti da ogni dove. Occasione quindi, per albergatori, esercizi pubblici e commerciali di vedere allungata la stagione turistica al mese di novembre, considerato turisticamente morto.

 

Comunicato stampa Zogo de l'Oca 2019

 

AZIENDE DEL TERRITORIO CONSIGLIATE

  • 1
  • 2
  • 3

 

APPUNTAMENTI

Sabato 9 novembre

  • - Ore 15.30: Apertura Fiera de l'Oca con l'Ocaria, il mercato dell'oca
  • - Ore 16: Inizio spettacoli di strada. Il teatro dei burattini, saltimbanco, musici, giocolieri, artisti di strada, attori (I Fioi del Fio', I Toca Mi, I Trampoli di Aqualta, teatro di strada, gli artisti di strada, il teatro dei burattini, giocolieri, mimi)
  • - Apertura baracconi dell'Oca Park per bambini
  • - Gioco dell'Oca per bambini. Potranno partecipare tutti i bimbi presenti

Domenica 10 novembre

  • - Ore 9.30: Riapre la Fiera de l'Oca con l'Ocaria e il teatro di strada
  • - Ore 11: La cuccagnata, pregioco per l'assegnazione dell'ordine di partenza con gli atleti del gruppo Serenissima
  • - Dalle ore 12: Risotto d'oca e ravioli d'oca 
  • - Ore 15: Sfilata figuranti e Zogo de l'Oca in piazza. Presenta Salvatore Esposito

 

INGRESSO ALLA MANIFESTAZIONE

Tribuna numerata coperta:

  • - interi € 20,00
  • - ridotti € 15,00 (bimbi sino a 11 anni)

I posti in piedi sono liberi.

I biglietti possono essere acquistati presso la sede della Pro Loco Mirano (Studio Gallorini in via Gramsci, 80) oppure durante i giorni della manifestazione presso la biglietteria della Fiera.

Il biglietto acquistato non viene rimborsato. La manifestazione si effettuerà con ogni condizione atmosferica. All'esaurimento dei posti a sedere le casse saranno chiuse.

COME ARRIVARE

Come raggiungere Mirano

PARCHEGGIO RISERVATO CAMPER GRATUITO (Via Belvedere) a soli 300 metri dal centro storico. Dall’uscita dell’autostrada A/4, casello MIRANO-DOLO e dall’uscita del passante di Mestre A/57, casello SPINEA, saranno posizionati cartelli azzurri, riportanti l’immagine del camper, il logo dell’Oca e la scritta Mirano, che condurranno al parcheggio.

 

PER INFO E PRENOTAZIONI

Organizzatori:

Pro Loco Mirano

Via Gramsci, 80 - 30035 Mirano (VE)

Tel 041 432433

www.prolocomirano.it

www.giocodelloca.it

 

Comune di Mirano

Piazza Martiri della Libertà, 1 - 30035 Mirano (VE)

Tel 041 5798311

www.comune.mirano.ve.it 

 

Per i testi e le foto si ringrazia:

Curzio Belloni (Outline)

 

PREMI OK !!! I Cookies aiutano BTCommunication a fornire i propri servizi. Navigando sul sito accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni clicca qui